lunedì 21 maggio 2012

Vanuzzo è Leggenda. Storico accesso alle Semifinali dei Play-Off

"dream baby dream"
Alla fine Sabatini è stato un signore, e ha salutato la festa sassarese con un sorriso forzato. Come si è arrivati a questa gara 3 l'hanno visto tutti in rete, fra pochi stupidi che si insultavano nelle bacheche e tante brave persone. Con comunicati stampa poco opportuni della Virtus e risposta immediata (e ironica) della Dinamo. Com'è iniziata la telecronaca l'abbiamo visto: i telecronisti indugiano sulle palle decisive di gara 2 e lasciano intendere che la Dinamo ha... non diciamolo, dai: l'hanno detto tutti, in rete, tutti quelli che non hanno guardato bene le immagini (Gigli tocca la palla nell'ultimo tap-in, e questa ESCE quando si sente il fischio scappato all'arbitro). Nessun furto, quindi. Com'è andata questa gara 3 l'abbiamo visto tutti: le due squadre hanno giocato a lungo contratte, quasi col freno a mano tirato, eccezion fatta per 4-5 minuti di spettacolo puro fra il terzo e quarto periodo.

Poi sono saliti in cattedra gli arbitri, e la Dinamo si è vista togliere dalle mani di tutto: infrazioni di passi inesistenti, falli alla difesa felsinea abbuonati, falli gratuiti sanzionati ai sassaresi, rimesse su tocchi totalmente inventati. Sanikidze sbaglia un quasi rigore, poi un fallo enorme sull'ultima penetrazione di Quinton Hosley non chiamato (Douglas Roberts stoppa la palla, sì, ma cozza duramente sul corpo di Quinton, che cade rovinosamente a terra: è fallo dappertutto... ma non a Bologna). Alla fine Sassari ha la palla della vittoria. Stavolta i centesimi sul tabellone non sono più 86, ma solo 53... il tempo esatto per ricevere fronte a canestro e tirare; Bologna rincorre gli esterni (due visibili contatti su cui la terna ovviamente sorvola) e Hosley rimette al centro sul capitano... Manuel acchiappa e tira da 7 metri abbondanti, con Gigli che non riesce a raggiungerlo in tempo... la palla si alza e descrive un arco perfetto, completando la parabola sulla retina... "nothing but net" e "oh, my godness"...


Canestro e follia gioiosa assoluta, davanti a un palasport muto, che assiste alla vittoria della Dinamo e sente le urla del Commando Ultrà.


Torniamo indietro però alla partita (ah, sento clacson in giro per la città). Oggi i cugini Diener hanno segnato meno del solito: la difesa di Finelli ha raddoppiato a lungo su di loro, ma gli scarichi sono stati discreti e buoni tiri sono arrivati. Nel referto leggiamo solo 5 assist per la Dinamo, segno che la persona al tavolo del referto ha visto bene di sporcarci le voci dello stesso (e non solo sugli assist). Ai tiri liberi la Dinamo è stata imprecisa: 6 su 17 (il 35,3%), la partita altrimenti avrebbe preso una piega diversa. Bologna è stata tenuta su prima da Petteri Koponen (l'MVP dei suoi), poi da Gigli, che nel finale ha fatto il suo e quello che non ha fatto Sanikidze, irriconoscibile (suo anche l'ultimo errore su un appoggio a canestro non impossibile, e lì Hosley ha preso un fondamentale rimbalzo). La Dinamo però ha avuto da Quinton Hosley tutto quello che nelle prime due partite non è arrivato: 18 punti, 14 rimbalzi e 2 assist, e soprattutto un gioco su Douglas-Roberts dominante; l'americano della Virtus infatti si carica presto di falli e si eclissa dalla partita.

Queste sono le cose che hanno pesato di più su una partita che è stato difficile seguire con lucidità anche dal sottoscritto, data l'emozione fortissima provata per tutti i 40 minuti.
Ma torniamo al capitano Manuel oggi ancora più leggendario: concreto in difesa, preciso in attacco. Magari non salta come Sanikidze (che lo ha stoppato nel momento caldo del match), ma fa la cosa giusta quasi sempre, e la tripla di stasera consegna la Dinamo alla Storia (la nostra). Leggendario capitano, e  personalmente sono felice che questo canestro così importante l'abbia messo a segno lui, perché se lo merita per tutto quello che ha fatto in tanti anni da sassarese onorario (e qualcosa di più... quasi "in ciabi", dai, ci sta).
All'ultimo momento poi arriva la notizia più inaspettata: Varese ha vinto in rimonta, portando la serie con Siena sull' 1 a 2. Tutti, telecronisti Rai compresi, pronosticavano il 3-0 di Siena e gara 5 per la nostra serie. Beh, siete serviti tutti. La Dinamo è in semifinale, e ora ha qualche giorno per rifiatare. Ci voleva! Skywalker

*
Eccomi qui. Io al contrario davanti alla TV sono stato calmissimo. Infatti ho visto un film di fantascienza ambientato in serie A.
"Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi, navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione...
ho visto Manuel Vanuzzo che se ne è andato quatto quatto oltre l'arco (Finelli -invece- non l'aveva visto), facendo finta di tirarsi su i pantaloncini, ma in realtà si era già messo d'accordo con Terminator2 per sferrare la bomba che ha affossato definitivamente i sogni di gloria virtussini.
Ho visto (all'inizio del film) Drake Diener che metteva la sua prima tripla (quando la Dinamo è andata a 5 punti), che è stata segnata da "2 punti": il contapunti della Rai è infatti sceso inaudita altera parte da "5" a "4" , però Man-Drake quando ha scoccato il tiro era abbondantemente oltre l'arco; ho telefonato a Ugo e Citro ma non mi hanno risposto (controllate la registrazione per credere! Ci hanno fregato un punto).
Ho visto due giocatori della Virtus, disperati (CDR e il poeta di Battipaglia), che si buttavano su una palla, con rimessa a favore nostro, e Drake che se la rideva perchè secondo l'ineffabile arbitro aveva toccato lui, quindi la rimessa dal fondo era....Virtus.
Ho visto Quinton Hosley lanciato a canestro, abbattuto da Douglas-Roberts, che avrà pure stoppato, ma era anche fallo, il tutto sotto gli occhi dell'arbitro; dovete sapere che questo giocatore pagato profumatamente dall'attonito Sabatini ha portato sfiga a SUPERBASKET: dopo la copertina con una sua foto, la storica rivista cestistica è fallita. Forse l'americano ha portato sfiga anche a Sabatini?
Ho visto Easley sanzionato di fallo senza neppure toccare l'avversario. Un miracolo della scienza cestistica, una roba da spiegare in qualche camp estivo. 
Tema: come fare fallo col soffio, col respiro. Il fallo come "processo alle intenzioni".
Ho visto un telecronista che sotto sotto se la rideva (l'amico mio) e un altro che gufava, senza riuscire a capirci qualche cosa della partita; spiegategli per piacere che "la gente come noi non molla mai". Non ha ancora capito il concetto. 
"Ho visto Kobe Bryant, dov'è, dov'è!".
Ho visto i tifosi della Dinamo, che ormai non li ferma neppure il terremoto (nel senso letterale della parola), che si rincuoravano sul -2 e solidarizzavano con quelli Reggiani, che già pregustano un bel derby l'anno prossimo. Alla fine ho visto Ducarello saltare in groppa a coach Meo, è la seconda volta che lo fa in 2 anni (la prima fu a Casale in gara4, lui se lo può permettere perchè è piccolino e siciliano). 
Ho visto -nella scena finale- Citrini versare lacrime di felicità "nella pioggia", ho visto una ciurma di corsari come non se ne trovano neppure nelle peggiori taverne di Saint Malo o di Pernambuco, saltare in aria per la gioia come ragazzini, un gruppo commovente di "molto pazzi", una cosa mai vista prima qui a Sassari.
Ho rivisto tutto questo bel film e mi sono detto : ma è sempre la mia Dinamo, quella della palestra C.O.N.I., di Peppone Pirisi, dell'Avv. Milia, di Bini, Casarin, Sheheey, Miller, Frederick, Dan Callahan, Chalmers, Shannon e Whiting? Forse è un sogno eppure son desto, deve essere un bellissimo regalo fattoci da lassù da Mimì Anselmi, che ovviamente sta sorridendo. 
Ci sta dicendo come sempre "di stare tranquilli, che tutto si mette a posto", che anche nei momenti più bui della vita c'è una ragione per credere. Caro Mimì, ora vorremmo festeggiare con te. 
E' tutto un sogno troppo bello per essere vero, siamo tra le prime quattro del basket italiano e andiamo a sfidare la Mens Sana di Pianigiani.
Don Chisciotte e Sancho Panza (cioè Meo e Ugo, per chi non l'avesse capito, e noi forniremo l'asinello sardo, su burriccu) continuano il loro folle, onirico, meraviglioso viaggio nella Mancia, alla caccia dei mulini a vento. Loro gli artefici, noi i testimoni del Grande Sogno Tricolore.
Ancora una volta, in questa terra rocciosa battuta dai venti e dimenticata in mezzo al Mar Mediterraneo, qui dove le autostrade sono sentieri che scendono al mare, abbiamo detto forte e chiaro HIC SUNT LEONES: qui ci sono 12 meravigliosi ragazzi che onorano fino in fondo la Dinamo, la sua maglia, la Sardegna tutta !
Grazie di vero cuore a questi ragazzi straordinari ! A volte ci fanno piangere, e sono "lacrime (di felicità) nella pioggia". 
Solodinamo  
film consigliato: "Blade Runner", Ridley Scott, 1982.
film consigliato agli arbitri: DESPERATE HOUSEWIFE, traduzione libera: "casalinghI disperatI"
film consigliato al patron Sabatini: "Mamma ho perso l'aereo per gara 5" - mercoledì 23, ore 18 noi in palestra, voi al mare ;-)


Video dedicato a Manuel Vanuzzo, camp. 2007-2008:

Nessun commento: